Impressioni
laurin lifestoriacamere & suitesparcotour virtualelaurin-video
Wilhelm Volz, salone ed entrata, 1910Wilhelm Volz, Spiegelsaal, 1910Wilhelm Volz, scalinata e salone, 1910Parkhotel LaurinWilhelm Volz, facciata e ristorante, 1910Wilhelm Volz, Garage, 1910Wilhelm Volz, stalla, 1910
indietro avanti
Wilhelm Volz, salone ed entrata, 1910
IL MIGLIORE, COME DA TRADIZIONE

Sin dall’apertura nel 1910 il Laurin è uno degli hotel più moderni in Europa. Membri della famiglia imperiale austriaca e del granducato tedesco hanno in passato apprezzato la lussuosa atmosfera dell’hotel. Nel corso degli anni il Laurin è stato restaurato nel rispetto dei principi di eleganza e raffinatezza. Il fascino dei tratti distintivi degli edifici di fine secolo continua ad essere vivo ancora oggi, mantenendo una perfetta armonia con il moderno concetto di comfort. Sia chi viaggia per piacere che per affari al Laurin si sente come a casa, immersi in un capitolo vivente della più grande tradizione alberghiera.

LA STORIA DEL PARKHOTEL LAURIN   |  >> continua…
L’albergo fu costruito negli anni 1909/1910 dalla famiglia Staffler, tuttora proprietaria. L’inaugurazione ebbe luogo il 15 agosto 1910 dopo un solo anno e mezzo di costruzione.

A livello tecnico l’edificio già allora spiccava fra i più moderni d’Europa: sistemi centralizzati di pulitura con aspirapolvere come sistemi di compressione per gli ascensori, segnali luminosi in tutte le camere ed efficaci sistemi antincendio.

Già nei primi quattro anni della sua esistenza fino allo scoppio della prima guerra mondiale, l’albergo registrò un’elevata occupazione. Personaggi illustri dell’Impero Asburgico e dei principati tedeschi, l’erede al trono austriaco Franz Ferdinand con la consorte Sophia Hohenburg ed anche il nuovo arciduca ed erede al trono Karl con consorte solevano essere ospiti al “Laurin”.

Durante la Prima Guerra Mondiale l’albergo divenne il quartier generale del comando supremo dell’armata austro-ungarica, alla quale subentrò, nel 1918, il quartier generale delle forze armate italiane che avevano nel frattempo occupato l’Alto Adige.

Tra il 1919 ed il 1920 l’edificio, che aveva riportato ingenti danni durante i bombardamenti, fu restaurato, e già dagli anni 1921/1922 tornò ad essere meta molto amata dai turisti tedeschi, la cui valuta si era nel frattempo ripresa. Dopo questi anni prosperosi vennero aggiunti nelle stanze da bagno i lavandini e costruiti alcuni bagni di lusso.

Tra gli ospiti illustri degli anni prima della Seconda Guerra Mondiale possiamo annoverare l’allora sovrano Vittorio Emmanuele III e Benito Mussolini.

Durante la seconda guerra mondiale, dal 1939 al 1943, l’edificio fu affittato dalla commissione italiana per l’Opzione. Durante questo periodo Bolzano divenne bersaglio di numerosi bombardamenti, ed anche l’albergo ne risentì in maniera non indifferente. Già nel 1945 si incominciò con la ricostruzione, e dopo soli 3 anni l’albergo poté riaprire i battenti. Bolzano si sviluppò in città industriale, ed il “Laurin” diventò di conseguenza punto di soggiorno e incontro di molti uomini d’affari nazionali ed internazionali. Negli anni ’60 e ’70 accrebbe in maniera rilevante il flusso turistico tedesco. I turisti italiani scoprirono il fascino del capoluogo altoatesino solo molto più tardi.

Per rispondere anche alle esigenze dei turisti dei giorni d’oggi la famiglia Staffler decise, nei primi anni ’90, di dare inizio ad una completa ristrutturazione dell’albergo. Accanto al rinnovo delle camere venne allestito un moderno centro congressi, rimodernato il bar e ampliato il ristorante nel parco.
Parkhotel Laurin - Via Laurin 4 - 39100 Bolzano/Alto Adige/Italia - T +39 0471 311000 - info@laurin.it - P.IVA  00­299540211  - Privacy -  Member of World Hotels